Comune di Segrate






 

“L’urlo del ’68. Tra storia, arte e musica”
Mostra al Centro Verdi dal 16 novembre al 9 dicembre

Layout Manifesto 70x100 cm Segrate OK

Da venerdì 16 novembre fino a domenica 9 dicembre Segrate presenta al Centro Verdi di via XXV Aprile la mostra “L’urlo del ’68. Tra storia, arte e musica”, una produzione della Fondazione Creberg, che ripercorre i temi, i suoni e i colori del 1968 a cinquant’anni di distanza da un anno passato alla storia.

Venerdì 16 alle ore 18 l’inaugurazione dell’esposizione curata da Riccardo Bertoncelli insieme ad Angelo Piazzoli, Segretario generale della Fondazione.

"La musica non è stata una colonna sonora per il '68, ma ne è stata parte principe, per certi aspetti fondativa, veicolo di contenuti e di appartenenza, luogo di libera espressione e di confronto generazionale- dice l'assessore alla Cultura Gianluca Poldi - Per questo la mostra-racconto che presentiamo è significativa e non banale, e complementa le attività messe in campo per questo cinquantenario dalla nostra Città, tra mostre e incontri. E' per noi una mostra-ponte tra l'immaginario della Pop art rappresentato dalla mostra in corso su Silvio Pasotti e prima da alcune opere delle collezioni della Permanente esposte a maggio, e la mostra sul 1968 dei Beatles, grande emblema della fertilità creativa di un periodo, che inaugurerà il 5 dicembre".

Venticinque pannelli
– con testi redatti da Riccardo Bertoncelli, giornalista, critico musicale di rilievo internazionale e conduttore radiofonico italiano - in cui, oltre a una breve excursus cronologico sui principali accadimenti dell’anno, viene presentato un preciso percorso attraverso la storia della musica del periodo.
A corredo dell’evento sarà a disposizione gratuita dei visitatori un catalogo a colori, curato per la sezione storico-musicale da Riccardo Bertoncelli (a completamento della mostra è fruibile una playlist di pezzi d’epoca, scaricabile gratuitamente da Spotify) e per la parte artistica da Angelo Piazzoli con testo critico di Paola Silvia Ubiali.
 
“Un articolato percorso disegnato da uno dei massimi esperti sul tema, Riccardo Bertoncelli, che consente un avvincente excursus letterario sul mondo della musica intrecciato a una breve sintesi cronologica delle vicende storiche, costituendo una opportunità di rievocazione di temi che diedero il via alla contestazione negli anni Sessanta con le sue peculiarità e contraddizioni” spiega Angelo Piazzoli, Segretario generale della Fondazione Creberg.

“Sono davvero tantissimi – evidenzia Riccardo Bertoncelli - gli interventi sul 1968 che stanno diluviando su esperti e curiosi in questo scorcio di anno. Interventi originali, intelligenti ma anche molti luoghi comuni: e l'abituale confusione tra il 1968 cronologico e il Sessantotto cosiddetto, quel movimento, quella idea di nuovo iniziata ben prima del 1968 reale e proseguita ben dopo, nei molto diversi anni '70. Noi abbiamo voluto concentrarci sul 1968 reale e, appunto, cronologico; dove accadono straordinarie vicende che innovano profondamente la società ma si palesano anche dubbi, incertezze, frenate, con reazioni a volte all'opposto.
E' infatti un anno ricco anche di contraddizioni, un potente chiaroscuro; e a dirla tutta, forse l'anno più fragile tra quelli che hanno modellato il rock, la canzone d'autore, il blues, il jazz nella seconda metà degli anni '60. Mettendo i tasselli al posto giusto, alla luce della storia, forse qualche visitatore si stupirà”.
 
 “Ci stiamo occupando del Sessantotto, cinquant’anni dopo, con questa mostra e una serie di eventi non per un intento celebrativo o di amarcord - chiosa il Sindaco di Segrate Paolo Micheli - ma perché parte della fase storica che stiamo vivendo trae le sue origini dai sommovimenti che si registrarono in quel periodo e modificarono costumi, linguaggio, stili di vita, rapporto tra i generi. E quindi per leggere in controluce la nostra attualità, dominata da un ampio disinteresse anche dei giovani rispetto alla 'cosa pubblica', come mancassero spinte ideali. Ma esistono anche cittadini impegnati nel costruire un oggi e un domani migliori, esistono fortunatamente ancora un senso civico e un ampio lavoro educativo e amministrativo nel segno del rispetto e dell'ascolto. Le contraddizioni di oggi sono anche spesso le contraddizioni di ieri".


Periodo: 17 novembre - 9 dicembre 2018
Orari: tutti i giorni dalle 10 alle 19



Riccardo Bertoncelli
è nato a Novara “sulle corde di Aries” nel 1952. Ha cominciato a scrivere di rock a 17 anni, stampandosi in ciclostile una fanzine, e a ventuno ha pubblicato il primo libro italiano sulla musica giovane, “Pop Story”. Nel 1974 ha fatto parte del nucleo fondatore di “Gong”, la rivista rock più importante di quegli anni; sei anni più tardi, cambiate tante cose, ci ha riprovato con “Musica ‘80”. Nel 1981 ha debuttato come direttore di collana per Arcana, la casa editrice di cui nel 1985 è diventato direttore editoriale. Dal 1995 cura l’area musicale “Bizarre” all’interno del gruppo Giunti. Fra questo e quello, ha curato circa 300 volumi di rock e varia umanità.
È stato direttore artistico del “Salone della Musica” di Torino tra il 1996 e il 1998. Da oltre dieci anni tiene un corso di “storia dell’editoria musicale” al Master di Comunicazione Musicale per la Discografia e i Media presso l’Università Cattolica
di Milano. Collabora dal 1974 con la Radio Svizzera Italiana per trasmissioni di rock e jazz. Tra i suoi ultimi libri, “Topi caldi”, antologia dei migliori articoli nel corso del tempo, e “Una vita con Bob Dylan”, dove sono raccolti cronache, recensioni, saggi e fantasie su uno dei suoi artisti più amati, dal 1972 a oggi.
 


 


Ultimo aggiornamento: 14 novembre 2018 < Indietro
 

Footer
Ente CertificaotPalazzo Comunale: via 1° Maggio | 20090 Segrate | Codice Fiscale 83503670156 | Partita IVA 01703890150
Tel. +39.02.269.021 | Fax 02.213.375 | Posta Elettronica Certificata: segrate@postemailcertificata.it