Venerdì 29 aprile alle 20.30, al Centro Culturale Verdi - Via XXV Aprile, l'Associazione Culturale Novegro e l'Associazione  I Ragazzi di Robin, con il patrocinio del Comune, presentano il libro "Per sempre Giò" di Viviana Locatelli.

Sarà presente l'autrice che converserà con Gianluca Poldi.
 
Il ricavato della vendita del libro sarà devoluto all'Associazione I Ragazzi di Robin.
 
Ingresso gratuito con super green pass e mascherine FFP2.
 
 
 
Giorgio era un ragazzo di 26 anni. Era grande e grosso e il suo cuore batteva soltanto per l’Inter, la “sua” Inter. Una squadra difficile da amare proprio come spesso lui si è sentito nei confronti del mondo intero. È nato con una malformazione congenita che lo ha portato a sviluppare i disturbi dello spettro autistico.

Ma lui non voleva essere così, e se qualcuno glielo faceva notare spiegava che si sbagliavano: era solo un po’ robusto perché gli piaceva mangiare e aveva qualche problema all’occhio destro. Tutto lì.

Si sforzava di essere come tutti gli altri perché sentiva l’enorme bisogno di avere tanti amici, ma gli unici che lo trattavano così erano i suoi educatori, a patto che fossero tassativamente maschi e rigorosamente interisti come lui.

Ma Giò era un ragazzo bellissimo ed io ho tentato, scrivendo questo libro, di spiegare la luce di cui sono capaci quelli come lui a chi non conosce l’autismo, se non per sentito dire. Perché esattamente questo sono i ragazzi autistici: esseri meravigliosi in grado di provare affetti straordinari e antipatie improvvise con la stessa forza dirompente. E con loro l’unica cosa che si può imparare, a prezzo di grandi fatiche, infinita pazienza e milioni di perché destinati a restare senza risposta, è capirli, anticiparli e domarli. Non sempre si riesce, ma a volte succede.
 
Ma quando sorridono lo fanno con l’anima, quando piangono lo fanno per essere compresi e quando ridono dicono senza dirlo che vorrebbero essere come noi, anche quando le nostre battute non le capiscono.
 
Giò parlava sempre e solo di calcio, di sport e di Inter, tutto il resto non gli interessava. Ma era dolce con tutti e non conosceva il rancore, una dote rarissima. Era una di quelle persone che lasciano il segno e che non avresti dimenticato.
 
Dopo averlo perso nel novembre del 2020 per colpa del Covid, con questo libro ho voluto regalare al mio Gio’ l’immortalità. E chiunque si ritroverà a leggere “Per sempre Gio” diventerà per sempre uno dei suoi nuovi amici, ma soprattutto imparerà a non temere i ragazzi come lui. Che sono tanti, e sono soli.
 
Viviana Locatelli
 
 
Viviana Locatelli

Vive a Milano, è responsabile di un reparto di produzione di pelletteria in una casa di alta moda. Ama la musica, la fotografia, la natura, i viaggi, il sole della California e, ovviamente, l’Inter.

Date e orari

29
apr
Ore 20.30

Costi

Ingresso libero

Galleria

Questo sito utilizza cookie tecnici e di analytics .
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Informazioni cookies