Nella difficile convivenza con il Covid-19, il Comune attraverso il progetto Come pietre nell’acqua di cui è partner e che è attivo negli istituti scolastici cittadini, propone alle famiglie un’indagine finalizzata a rilevare lo stato di benessere e i loro bisogni.

"Vorremmo capire - spiega il sindaco Paolo  Micheli - in quali ambiti il progetto può supportare in questo momento le famiglie e i loro figli e figlie. La collaborazione dei diretti interessati è fondamentale perché sulla base dei bisogni e delle fragilità espressi, potremo offrire un sostegno psicologico e pedagogico adeguato".

Il questionario, che andrà compilato entro lunedì 18 maggio, potrà restare totalmente anonimo.
Chi lo desidera, invece, potrà fornire i dati necessari per essere ricontattato.

Partecipa all'indagine

Il progetto Come pietre nell’acqua finanziato dall’Impresa Sociale Con I Bambini nell’ambito del contrasto alla povertà educativa minorile - sottolinea Gianluca Poldi, assessore alle Politiche giovanili, Cultura e Scuola -, è in corso nelle nostre scuole. Attraverso questo progetto intendiamo sviluppare competenze di vita e di cittadinanza e offrire agli adolescenti opportunità di attraversare esperienze e ruoli 'straordinari', con lo scopo di ridurre le diseguaglianze determinate da situazioni di povertà educativa e di permettere a ognuno di far emergere desideri, vocazioni e talenti".

Piietre nell'acqua sono quindi le competenze necessarie per attraversare le fasi di passaggio all’interno del percorso formativo e di vita verso la maturità fisica e sociale, la differenziazione dall’ambiente familiare, l’acquisizione di autonomia, la costruzione di un nuovo ruolo e rinnovate pratiche relazionali.

 

 

 

Per informazioni

comepietrenellacqua@gmail.com

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Informazioni cookies