Introduzione

L'art. 4 della Legge 219 del 22 dicembre 2017, in vigore dal 31 gennaio 2018, regolamenta le Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT), comunemente definite "testamento biologico" o "biotestamento".

La Legge prevede che ogni persona, maggiorenne e capace di intendere e di volere, in previsione di un'eventuale futura incapacità di autodeterminarsi e dopo avere acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle proprie scelte, possa esprimere anticipatamente le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto su accertamenti diagnostici e scelte terapeutiche.

La Legge 219 prevede anche la possibilità di indicare nelle DAT un fiduciario, la cui scelta è rimessa completamente alla volontà del disponente. La Legge si limita a prevedere che il fiduciario sia maggiorenne e capace di intendere e di volere. Il fiduciario, che accetta la nomina mediante sottoscrizione delle DAT o con atto successivo allegato alle stesse, è chiamato a rappresentare l'interessato nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie.

Il medico è tenuto al rispetto delle DAT, le quali possono essere disattese, in tutto o in parte, dal medico stesso, in accordo con il fiduciario qualora: 

  • appaiano palesemente incongrue o non corrispondenti alla condizione clinica attuale del paziente
  • sussistano terapie non prevedibili all'atto della sottoscrizione, capaci di offrire concrete possibilità di miglioramento delle condizioni di vita

Nel caso di conflitto tra il fiduciario e il medico, la decisione è rimessa al giudice tutelare.

Nel caso in cui le DAT non contengano l'indicazione del fiduciario o questi vi abbia rinunciato o sia deceduto o sia divenuto incapace, le DAT mantengono efficacia in merito alle volontà del disponente.

Le DAT possono essere redatte per atto pubblico notarile o per scrittura privata autenticata da un notaio o per scrittura privata consegnata personalmente dal disponente ad un ufficiale di stato civile del Comune di residenza. L'ufficiale di stato civile provvede a registrare l'avvenuto deposito in apposito registro ordinato cronologicamente e ad assicurare l'adeguata conservazione delle DAT in conformità ai principi di riservatezza dei dati.

L'ufficiale di Stato Civile pertanto può ricevere esclusivamente le DAT consegnate personalmente dal disponente residente e dallo stesso firmate in originale. L'ufficiale di Stato Civile non può partecipare alla redazione della DAT né può fornire indicazioni o informazioni in merito al contenuto ma deve limitarsi ad accertare l'identità e la residenza del consegnante, ritirare le DAT in originale, registrarle e consegnare al dichiarante ricevuta di avvenuta registrazione da apporsi a copia delle DAT. Le DAT sono modificabili e revocabili in ogni momento con le stesse modalità.

Come fare

In considerazione della delicatezza della materia, i residenti nel Comune di Segrate che vogliano depositare le proprie DAT in Comune possono farlo solo su appuntamento. E' possibile fissare un appuntamento scrivendo a stato.civile@comune.segrate.mi.it e indicando i propri recapiti telefonici per essere ricontattati o telefonando ai numeri 0226902201 - 0226902269 - 0226902259 - 0226902239.

Cosa serve

Le DAT sono esenti dall’imposta di bollo e da qualsiasi altro tributo, imposta, diritto e tassa.

All'appuntamento il disponente dovrà portare con sé:

  • Disposizioni Anticipate di Trattamento sottoscritte in originale
  • solo in caso di nomina di fiduciaro con accettazione su atto separato, l'atto di accettazione sottoscritto in originale dal fiduciario
  • documento d'identità del disponente

Al momento del deposito verrà richiesto al disponente di sottoscrivere un modulo di richiesta registrazione.

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Informazioni cookies